|  |  | 

Cibo News Vino News

I nuovi migliori ristoranti d’Italia secondo la Guida Michelin

Stampa Articolo

E’ ora disponibile la nuova Guida Michelin ai migliori ristorantio d’Italia, edita in collaborazione con il Consorzio del Brunello di Montalcino, che quest’anno celebra 50 anni dalla data di costituzione.

I migliori ristoranti d’Italia – Le stelle della Guida Michelin, comprende tutti i 342 ristoranti stellati della Guida Michelin Italia, immediatamente localizzabili nella mappa d’Italia delle tavole stellate (pagine 18-21).
È una guida creata apposta per l’occasione, che sancisce una partnership ormai consolidata tra il Consorzio e la Guida Michelin Italia. In questo ideale connubio di ottima cucina e buon bere, Michelin trova nel Consorzio un partner di altissima qualità.
Nelle prime pagine della guida si trovano descrizioni dettagliate del Consorzio del Brunello di Montalcino, delle denominazioni e delle norme disciplinari, della valutazione qualitativa delle annate e di Montalcino stessa, con il suo patrimonio inestimabile nato dal territorio, dal suolo e dal clima.

“Sia il Consorzio del Brunello di Montalcino sia Michelin condividono la stessa passione e lo stesso savoir-faire, presupposti che garantiscono il miglior vino per l’una e la migliore selezione culinaria per l’altra” afferma Marco Do, direttore della comunicazione in Michelin.

Concorda Patrizio Cencioni, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino dichiarando che “La collaborazione tra il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino e Michelin nasce da una visione comune che è fondata sulla continua ricerca dell’eccellenza e della qualità e ci offre l’opportunità di consolidare la visibilità e l’importanza del Brunello nel mondo.”

Ogni ristorante è completo di nome dello chef, presentazione del locale, specialità.
A ogni ristorante osono dedicate due pagine, illustrate dalle fotografie dello chef, del locale e di un piatto tipico.
I ristoranti ne m sono illustrati con la fotografia di un piatto tipico.
Il significato delle stelle e i principi della Guida Michelin, uguali in tutto il mondo, sono descritti nelle pagine introduttive, in cui vengono anche spiegati i criteri di attribuzione delle stelle:
o Merita il viaggio
n Merita la deviazione
m Merita la tappa
I riferimenti al viaggio sono tutt’altro che casuali. La missione di Michelin è, dall’inizio della sua storia, contribuire al progresso e allo sviluppo della mobilità, inventando prodotti, soluzioni, servizi, strumenti sempre nuovi e al passo con i tempi, per rispondere all’esigenza dell’uomo di muoversi, viaggiare, spostare e scambiare i propri beni. La Guida Michelin è la guida per chi viaggia.
Gli ispettori Michelin operano in modo anonimo seguendo una consolidata metodologia in tutto il mondo e pagano il conto al ristorante, valutando esclusivamente la qualità della cucina in base a cinque criteri definiti da Michelin: qualità dei prodotti, gusto e abilità nella preparazione dei piatti e nella combinazione dei sapori, cucina rivelatrice della personalità dello chef, rapporto qualità/prezzo e continuità nel tempo e nel menu. Questi criteri sono rispettati dagli ispettori Michelin in Italia, come in Giappone o in Cina e negli Stati Uniti. La qualità di un ristorante tre stelle è la stessa a Firenze e a New York, così come dev’essere equiparabile la qualità di un ristorante una stella a Napoli e a Londra.

Disponibile per l’acquisto nella versione di 248 pagine.
Prezzo: 12,90 €

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • New York, riflettori puntati sul Chianti Classico

    New York, riflettori puntati sul Chianti Classico

    Gli Stati Uniti rappresentano il primo mercato per il ‘Gallo Nero’: tre bottiglie su dieci finiscono sulle tavole americane Wine Spectator, storica rivista americana dedicata alla wine culture, punto di riferimento della critica enologica internazionale,

  • La Pizza secondo Exquisitaly

    La Pizza secondo Exquisitaly

    Il locale polifunzionale nel cuore di Roma è pronto a lanciare un nuovo progetto dedicato alla pizza, con un rinnovato menu ispirato alle principali città italiane Un giro tra l’Italia delle regioni e dei comuni, da

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website