|  | 

Prodotti

Degustazione vini naturali Spagna e Portogallo

Stampa Articolo
Durante l’edizione 2016 della manifestazione Vignaioli Naturali a Roma sapientemente organizzata da Tiziana Gallo, abbiamo avuto l’opportunità di incontrare il distributore Vite che importa vini da Francia, Portogallo e Spagna. La nostra degustazione si è concentrata soprattutto sulle ultime due regioni, per assaporare i profumi del Douro e per scoprira la rarità delle Asturie.

In entrambi i casi si tratta di vini accomunati dai minimi trattamenti in vigna (preferibilmente biodinamici) e dal minimo intervento in cantina.

Portogallo

vigneti del Douro

vigneti del Douro

Muxagat Branco 2013

80% Rabigato, 20% Arinto, Gouveio, Siria, fermentazione e affinamento in acciaio, a questa massa vengono aggiunti 3 tonneaux, uno da 500l, uno da 600l e uno da 700l dove il vino ha fermentato ed affinato. 1 anno di bottiglia prima della commercializzazione. Lieviti: autoctoni
Vino fresco molto facile da bere perfetto per accompagnare piatti a base di baccalà.

Muxagat Tinto

Blend tra Touriga Nacional, Touriga Francesa, Sousao, Tinto Cao, Tinta da Barca, Tinta Barroca.
Fermentazione di nel tradizionale tino di pietra per due settimane, fermenta con lieviti autoctoni e viene invecchiato per 14 mesi in botti austriache e francesi. Ne viene fuori un vino balsamico, e ricco di frutti rossi, fresco e dai tannini bilanciati. Perfetto in abbinamento con carni alla griglia.

Tinta Barroca

100% Tinta Barroca fermentazione a freddo in vasche di cemento con lieviti indigeni, otto mesi in vasche di cemento. Vino profumato con forte presenza di frutti rossi, poco tannico, facile da bere ha un finale lungo. Si abbina bene anche con piatti di pesce elaborati.

Spagna

urogallo-vino-spagna

La vera scoperta della manifestazione però è stato l’Albarin Blanco in purezza 2013 Pésico Nicolas Marcos del Dominio del Urogallo.

Siamo nella regione montana dell’Asturia in cui per ragioni storiche rimangono solo 100 ettari vitati su un terreno di antracite, quarzo, ardesia, argilla.

L’Albarin è un vitigno autoctono tipico di quelle parti, e si trova nella denominazione Cangas del Narcea anche se il Dominio del Urogallo per i metodi con cui lavora è uscito dalla denominazione ed è classificato come vino da tavola.

Il Pésico Blanco Nicolas Marcos 2013 (Albarin 100%) viene elaborato con pressatura e decantazione statica dei mosti. Fermentazione ed affinamento in barrique borgognone per minimo 18 mesi. Nessuna filtrazione, nessuna aggiunta di solforosa. Le fermentazioni in cantina avvengono senza lieviti selezionati.

Ne deriva un vino dal profumo particolarissimo che non si apre immediatamente. Poi tutta d’un botto arriva la “pietra spaccata” con note balsamiche arrivando agli idrocarburi.

Difficile immaginare l’abbinamento, si può provare con carni bianche arricchite da salse.

a cura di Marianna Mastropietro

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • MIKS benessere secondo natura

    MIKS benessere secondo natura

    Molino Favero presenta MIKS, la nuova linea di farine native, senza glutine e OGM free, con le quali lo chef Stefano Polato ha ideato delle ricette riportate sul retro delle confezioni. Esse recuperano i sapori

  • Buon compleanno Radicchio Rosso!

    Buon compleanno Radicchio Rosso!

    Il radicchio rosso, anche definito “fiore d’inverno”, compie 20 anni! Era il 1996 quando, primo tra i prodotti ortofrutticoli in Europa, venne riconosciuta l’Indicazione Geografica Protetta. E per festeggiarne l’anniversario lo scorso weekend, da giovedì

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website