|  | 

Cibo News

Da Michele supera i confini nazionali e apre a Londra

Stampa Articolo

Come promesso, la storica pizzeria napoletana “Da Michele” ha marciato fuori dai confini nazionali ed è approdata a Londra.

Avevamo già annunciato l’apertura romana a fine 2016. E lo scorso 3 febbraio ha finalmente aperto anche la sede londinese.

Ricordiamo che la Pizzeria Da Michele è una storica pizzeria di Napoli gestita dalla famiglia Condurro da più di un secolo. E’ stato il giovane Alessandro Condurro ad avere l’idea di portare a Londra il marchio napoletano, già conosciuto in buona parte del mondo grazie ad una startup chiamata “Michele in the world”.

A Napoli, però, il menù è fisso e prevede che vengano sfornate ininterrottamente la margherita e la marinara. Stop ai gusti. Il menù napoletano prevede anche la scelta di bibite analcoliche e birra nazionale. Ma nient’altro.

Già la sede romana ha ampliato il menù, inserendo anche sfiziosissimi fritti, antipasti vari, calzone al forno, pizza fritta e dolci della pasticceria napoletana di Vincenzo Bellavia. Pare che il menù londinese sia ancora più variegato e che, oltre alle classiche margherita e marinara preveda anche un terzo tipo di pizza pensata per accontentare i palati londinesi. Inoltre nel menù sono previsti il dessert del giorno, la Birra Moretti e una piccola carta dei vini con alcune etichette campane, prosecco e vino da dessert. E, per far sentire gli inglesi a casa, è messa a disposizione anche una selezione di bevande calde: cioccolata calda, caffè e tè.

Alessandro Condurro ha parlato di un impasto per la pizza modificato per adattarsi più adeguatamente al clima londinese.

A Londra si trovano già alcune pizzerie napoletane di buon livello, tra cui Sud Italia in zona Spitalfields, Santa Maria a Ealing e Addommè nel quartiere di Streatham Hill. Da Michele porta una nuova ventata rivoluzionaria alle abitudini alimentari inglesi, in particolare al 125 di Church Street, quartiere particolarmente hipster della Londra modaiola, dove la sede ha aperto.

a cura di Martina Bortolotti

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website