|  | 

NEWS

Alimenti surgelati o congelati? Le regole per consumi sicuri

Stampa Articolo

Molte persone ignorano che si tratta di due processi di conservazione diversi, ognuno con le proprie specificità e regole da seguire

Le alte temperature estive stanno attanagliando il nostro Paese da nord a sud, e i prodotti surgelati o congelati rappresentano un must che accomuna un numero sempre più crescente di famiglie italiane. Occorre però sapere che si tratta di due processi di conservazione diversi. Con il surgelamento si porta la temperatura di un prodotto in breve tempo a un livello inferiore o uguale a -18; è una procedura che agisce bloccando o rallentando tutte le attività enzimatiche, chimiche e microbiche che porterebbero al degrado della materia organica, garantendo il mantenimento dei nutrienti presenti al loro interno. Il congelamento casalingo, invece, richiede tempi più lunghi per portare il prodotto a -18 gradi; inoltre l’acqua contenuta al suo interno forma dei macro cristalli di ghiaccio che, una volta scongelati, distruggono le cellule dell’alimento. Attenzione poi alla fase dello scongelamento: un prodotto surgelato va cotto direttamente ad alte temperature, il congelato, invece, va messo prima nel frigo facendo attenzione che l’acqua dello scongelamento non entri in contatto con gli alimenti. Per velocizzare questo processo si può utilizzare il forno a microonde, ma non acqua e olio bollente o forno, né tanto meno l’acqua corrente, perché vengono danneggiate le proprietà nutrizionali. Scongelamento e congelamento implicano quindi differenze anche dal punto di vista nutrizionale. Il biologo Adriano Aliani, responsabile Ricerca e Sviluppo della società Gourmet Italia per consumi in tutta sicurezza, sottolinea come le tecnologie di surgelazione sono sempre più precise: “Quanto più gli ingredienti dichiarati sono come quelli che si usano in casa e tanto più sano sarà l’alimento. Per legge – spiega Aliani – un prodotto può essere surgelato solo da condizioni di freschezza e ottima conservazione e non è consentito l’uso di conservanti”.

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • New York scopre la grappa italiana

    New York scopre la grappa italiana

    Con ‘Hello Grappa’ il distillato italiano ad indicazione geografica protetta sbarca negli Stati Uniti Al via negli Stati Uniti ‘Hello Grappa’, il progetto di promozione e informazione del distillato italiano voluto da AssoDistil, l’Associazione italiana

  • Olio d’oliva: un mercato in crescita mondiale

    Olio d’oliva: un mercato in crescita mondiale

    Il simbolo della dieta mediterranea è un prodotto sempre più ricercato. Tuttavia, l’Italia perde quote Negli ultimi 20 anni, grazie soprattutto ai crescenti numeri di Paesi che non lo includono tradizionalmente nella loro dieta, il

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website