|  | 

NEWS

Alimenti surgelati o congelati? Le regole per consumi sicuri

Stampa Articolo

Molte persone ignorano che si tratta di due processi di conservazione diversi, ognuno con le proprie specificità e regole da seguire

Le alte temperature estive stanno attanagliando il nostro Paese da nord a sud, e i prodotti surgelati o congelati rappresentano un must che accomuna un numero sempre più crescente di famiglie italiane. Occorre però sapere che si tratta di due processi di conservazione diversi. Con il surgelamento si porta la temperatura di un prodotto in breve tempo a un livello inferiore o uguale a -18; è una procedura che agisce bloccando o rallentando tutte le attività enzimatiche, chimiche e microbiche che porterebbero al degrado della materia organica, garantendo il mantenimento dei nutrienti presenti al loro interno. Il congelamento casalingo, invece, richiede tempi più lunghi per portare il prodotto a -18 gradi; inoltre l’acqua contenuta al suo interno forma dei macro cristalli di ghiaccio che, una volta scongelati, distruggono le cellule dell’alimento. Attenzione poi alla fase dello scongelamento: un prodotto surgelato va cotto direttamente ad alte temperature, il congelato, invece, va messo prima nel frigo facendo attenzione che l’acqua dello scongelamento non entri in contatto con gli alimenti. Per velocizzare questo processo si può utilizzare il forno a microonde, ma non acqua e olio bollente o forno, né tanto meno l’acqua corrente, perché vengono danneggiate le proprietà nutrizionali. Scongelamento e congelamento implicano quindi differenze anche dal punto di vista nutrizionale. Il biologo Adriano Aliani, responsabile Ricerca e Sviluppo della società Gourmet Italia per consumi in tutta sicurezza, sottolinea come le tecnologie di surgelazione sono sempre più precise: “Quanto più gli ingredienti dichiarati sono come quelli che si usano in casa e tanto più sano sarà l’alimento. Per legge – spiega Aliani – un prodotto può essere surgelato solo da condizioni di freschezza e ottima conservazione e non è consentito l’uso di conservanti”.

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Ferrarelle compra il cioccolato Amedei

    Ferrarelle compra il cioccolato Amedei

    L’Azienda punta a sviluppare il marchio nel mondo con un progetto di crescita già individuato, per aumentarne la presenza nella distribuzione Ferrarelle, società leader a livello internazionale nel settore delle acque minerali, ha acquisito il 99% di Amedei, marchio d’eccellenza nella lavorazione del cacao, nato nel 1990 da un’idea della maitre chocolatier Cecilia Tessieri. Ferrarelle

  • L’azienda Castiglione in pole position per la Tonnara fissa di Favignana

    L’azienda Castiglione in pole position per la Tonnara fissa di Favignana

    In attesa che la Camera approvi la nuova ripartizione delle quote Pesca del Tonno al sistema delle sei tonnare fisse autorizzate in Italia, Filippo Amodeo, responsabile acquisti della storica azienda trapanese, si dice “fiducioso” e conferma la disponibilità: non chiederemo un euro di risorse pubbliche Nei giorni scorsi vi avevamo dato notizia in merito all’approvazione

  • Da Facebook a Microsoft è corsa all’hamburger senza carne

    Da Facebook a Microsoft è corsa all’hamburger senza carne

    La start up californiana “Impossible Foods” e i suoi burger vegetali identici per sapore a quelli di carne, hanno attirato l’attenzione di Bill e Gates e Mark Zuckerberg, protagonisti all’ultima raccolta fondi della società Molti esperti del settore alimentazione sostengono che tra cinquant’anni saremo tutti vegani. Su questo assunto, per esempio,  si fonda il «mockumentary» The

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website